Massmarket  
Go to the English version Chi siamo I nostri servizi Advertising Shop Contatti
Prodotti
A
aceto e aceto balsamico
acqua minerale
alimenti naturali
alimenti prima infanzia
aperitivi
B
bagno e doccia schiuma
bevande gassate
birra
biscotti
burro
C
caffè
caramelle e chewing gum
carne in scatola
cartoleria e cancelleria
casalinghi
cereali prima colazione
cibi etnici
cioccolato e cioccolatini
confetture di frutta
cosmetici
creme e dessert
D
dentifrici
deodoranti per ambienti
derivati del pomodoro
detergenti superfici
detersivi lavatrice
dolci lievitati natalizi
E
energy drinks
F
formaggi
G
gastronomia
gelati
giocattoli
H
homevideo
I
insetticidi
L
latte fresco
latte uht
M
maionese e altre salse
margarina
merendine
merendine refrigerate
miele
O
oli di semi
olio di oliva
ortofrutta
P
pane morbido
pannolini
parafarmaci
pasta secca
pasta fresca
pasticceria industriale
petfood
primi piatti in busta
prodotti in carta
prodotti per la rasatura
pulizia casa
R
riso
S
salumi
shampoo
snacks dolci
snacks salati
sostituti del pane
sostituti del pasto
sottoli e sottaceti
spezie e aromi
sport drinks
succhi di frutta
sughi pronti uht
superalcolici
surgelati
T
tè freddo
tonno
U
uova
V
vini confezionati
W
wurstel
Y
yogurt
Z
zucchero
Primi piatti in busta
Il valore del mercato
63.000.000
Il volume del mercato
132.000 porzioni
La dinamica dei consumi in valore
+2,2%
La dinamica dei consumi in volume
+3,3%
Il peso delle zone nelle minestre (volume)*
Nord-Ovest 40,7%
Nord-Est 37,1%
Centro 14,3%
Sud 7,9%
Il peso dei canali nelle minestre (volume)*
Iper e Super 62,3%
Libero servizio 20,3%
Negozi tradizionali 12,6%
Discount 4,8%
Il peso delle zone nei risotti (volume)*
Nord-Ovest 33,7%
Nord-Est 23,4%
Centro 21,8%
Sud 21,1%
Il peso dei canali nelle risotti (volume)*
Iper e Super 62,8%
Libero servizio 17,9%
Negozi tradizionali 10,4%
Discount 8,9%
Il peso delle zone nella pasta (volume)*
Nord-Ovest 33,5%
Nord-Est 25,4%
Centro 19,7%
Sud 17,3%
Il peso dei canali nelle pasta (volume)*
Iper e Super 65,6%
Libero servizio 18,2%
Negozi tradizionali 5,9%
Discount 10,3%
Fonte: Information Resources-Food, anno terminante a dicembre 2000 e variazioni % sull'anno precedente

*Fonte: ACNielsen-Al Food&Grocery anno 1999 e variazioni % sull'anno precedente

L'evoluzione dei consumi e lo scenario competitivo

I consumi di primi piatti in busta hanno ripreso a crescere moderatamente nei canali della gdo, nella stessa misura in tutti e tre i segmenti che compongono questo piccolo mercato.

La pasta in busta risente fortemente della potente concorrenza portata dai consumi concorrenti dei primi piatti surgelati, una categoria merceologica di notevole successo in questi anni, grazie al miglioramento qualitativo legato alle tecniche dello stir-fry (preparazione tramite rinvenimento in padella) e a grandi investimenti pubblicitari a sostegno di questo mercato.

Il mercato dei primi piatti in busta può essere considerato tutto sommato stabile, anche se la concorrenza dei primi piatti surgelati attacca anche risotti, pasta e minestre, queste ultime poste di fronte alla ulteriore competizione con le minestre in brik e in lattina. Ne mantengono il ruolo nell'universo alimentare la stoccabilità e soprattutto il contenuto prezzo al consumo se posto a paragone con quello dei primi piatti surgelati.

Il mercato è fortemente concentrato, con le prime 2 marche che negli iper+super+superette coprono oltre l'80% delle vendite in volume, mentre le private label hanno raggiunto una quota in volume che negli stessi canali si aggira in volume intorno al 15%. E va rilevato che è una quota in crescita, a testimonianza dell'interesse da parte della gdo verso questa merceologia e della buona presa delle marche commerciali sui consumatori. Da rilevare, il recente lancio di Guaber con il marchio L'Angelica, di una linea di primi piatti in busta - Piatto Ricco - posizionata nell'area dei pasti dimagranti e distribuito in farmacia e in un numero selezionato di supermercati e ipermercati.

La geografia dei consumi evidenzia in tutti e tre i segmenti una prevalenza delle aree settentrionali della Penisola, che coprono in volume sempre oltre la metà delle vendite complessive, e che nel caso delle minestre assorbono addirittura oltre i tre quarti dei volumi totali.

Di una certa intensità l'attività promozionale nel caso di risotti e pasta, nel canale iper+super abbondantemente superiore al 20% dei volumi commercializzati, mentre è minima nelle minestre, che rappresentano il segmento con la stagionalità più marcata, verso il picco nel bimestre ottobre-novembre (+17% sulla media) e al punto più basso in giugno-luglio (-25%).

Le quote di mercato in valore e in volume...I canali distributivi che crescono...Lo sviluppo dei consumi nelle aree geografiche...Il peso e l'evoluzione dei segmenti...

cliccate qui per avere maggiori informazioni Vai